ROMA FA UN EURO PIENONE

0

Il rally di Roma Capitale riesce a portare al via di Castel Sant’Angelo ben 102 equipaggi nella gara valida per l’ERC e il CIR, mentre la gara nazionale il Rally Roma Capitale Cup ne conta altri 17. Ma a fare rabbrividire il fatto che più della metà degli iscritti (quasi 60) siano al seguito della serie continentale.

Ad impressionare nell’elenco degli iscritti romani è soprattutto la qualità dei partecipanti e delle vetture ben cinquantuno sono le Rally2 e R5 al via, ovvero la metà esatta dei partecipanti alla gara internazionale. Tra i principali pretendenti al successo ci sono i quattro jedi dell’ERC: Lukyanuk, Mikkelsen, Gryazin e Breen (anche se l’Irlandese dovrà fare i conti con le MRF Tyre che sull’asfalto potrebbero necessitare ancora di un ulteriore step di sviluppo). Sull’asfalto però ci sono anche gli spagnoli Llarena, Nil Solans, il francese Boanto e Kreim che potrebbero inserirsi nella lotta per il podio, lotta dove non potranno mancare Basso e Crugnola i due grandi protagonisti del CIR. Nella lotta per il successo tra gli italiani non abbiamo incluso il leader della serie Fabio Andolfi, perché in una gara tutto asfalto sicuramente pagherà il dazio di non avere una Fabia Evo, discorso non molto differente per Scandola con la i20 rR5 che non si evolve da inizio 2020, mentre per Campedelli i punti interrogativi sono gli stessi di Breen. Sfida pirotecnica anche tra le tutto avanti per il due ruote motrici con il dominatore tricolore Andrea Nucita e la Peugeot 208 Rally4 che dovrà fare i conti con i rampolli dell’Europeo, Pajari con l Ford Fiesta rally4 ed il tridente Renault con JB Franceschi, Nore e Bernardi sulle nuovissime Clio Rally4. Sulle strade laziali ci saranno anche le RGT che si batteranno per il secondo round della coppa FIA riservata alle gran turismo, dove c’è un solo grande favorito: il dominatore del Montecarlo Emmanuel Guigou con la sua Alpine A110 Rally RGT. Tra i diciassette del Roma Capitale Cup ci sono ben undici Toyota Yaris R1TNaz, che accenderanno le polveri nel nuovo monomarca targato Toyota Italia.                  

ISCRITTI

Share.